Azienda

La coltivazione della vite nel territorio di Bibbona ha origini Etrusche, come testimoniato dai reperti archeologici rinvenuti nelle tombe del IV e VI secolo A.C.. Inoltre già dall’anno 1490 sono reperibili nello Statuto di Bibbona (raccolta di leggi della Comunità dall’anno 1490 al 1700), norme sull’impianto della vite, sulla raccolta dell’uva e sulla commercializzazione del vino.

L’Azienda, di 16 ettari circa, ha origine nell’anno1835 ad opera dei fratelli Peccianti, che si dedicano da subito alla produzione del vino e dell’olio e all’allevamento dei cavalli. In particolare i nostri vigneti aziendali attuali sono impiantati sui terreni ereditati dal Monsignore Gaetano Righi, (nato a Bibbona il 24/02/1810, fu per 6 lustri canonico metropolitano a Firenze e nominato alla carica di Cameriere Segreto nella Corte Pontificia di SS. Leone XIII, il quale fu sempre legato alla sua terra natale, nella quale veniva a trascorrere i periodi di riposo e dove morì il 07/03/1887). I terreni impiantati a vite si trovano sulle dolci colline tra Bibbona e Bolgheri, affacciati sulla suggestiva via Bolgherese e a poche centinaia di metri dalla riserva naturale della Macchia della Magona, in una posizione molto favorevole alla viticoltura. Infatti la natura geologica dei terreni, delimitati a Nord dal centro abitato di Bibbona e a Sud dalla fossa di Bolgheri, è ricca di argilla e sabbia e con pietre talvolta abbondanti (denominata Conglomerati di Bolgheri) il che consente un buon drenaggio delle acque in eccesso e il mantenimento un’umidità sufficiente anche durante i periodi siccitosi estivi. Inoltre la conformazione fisica del territorio con il mare a Ovest e la dorsale collinare ad Est favorisce la creazione e l’alternanza delle brezze di mare e di terra che contribuiscono ad non rendere eccessivamente caldo il clima assolato di questa zona. Tutto questo favorisce la formazione di vini strutturati e potenti, ma allo stesso tempo fini ed eleganti.

Il Dottor Agronomo Antonio Calvo, (L’attuale titolare dell’azienda Colli Etruschi), laureatosi presso l’Università degli studi di Pisa nel 1992, e dopo un periodo di lavoro come Libero Professionista e di collaborazione al progetto di ricerca GENOMA del CNR di Firenze, a partire dal 1999, (guidato dalla sua forte passione per l’agricoltura ed il vino), assume la gestione dell’Azienda Agricola di Famiglia, con l’obbiettivo di sviluppare un progetto per dare nuovo sviluppo e riqualificare la produzione del vino nell’Azienda e nel Territorio. Per raggiungere questi obbiettivi adotta i seguenti interventi: nell’anno 2000 insieme ad altri produttori della zona costituisce il comitato promotore per il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata “Terratico di Bibbona”; nell’anno 2004 ristruttura la cantina e impianta nuovi vigneti; nell’anno 2006, (che è quello che vede il riconoscimento della D.O.C.) produce il primo vino “Terratico di Bibbona”; nell’anno 2008 è tra i soci fondatori del consorzio di tutela della D.O.C. Terratico di Bibbona.

Per garantire l’elevata qualità dei Nostri vini, l’Azienda cura l’intero processo produttivo e rispetta la migliore tradizione avvalendosi di una moderna e attrezzata cantina. E’ convinzione dell’Azienda che per produrre un vino di qualità non si può prescindere dalla produzione di un’uva di qualità, alla quale si deve applicare le tecniche di vinificazione appropriate al fine di esaltare le potenzialità qualitative, espressione di un territorio vocato. A partire da queste considerazioni l’Azienda ha scelto i cloni di vite di pregio, ha impiantato con un’elevata densità d’impianto, persegue una bassa produzione a ceppo e un giusto equilibrio vegeto-produttivo, che sono i prerequisiti indispensabili per produrre uva di alta qualità.

Inoltre l’Azienda, da sempre sensibile ai problemi di inquinamento ambientale e alla salute del consumatore, adotta sistemi di controllo fitosanitario a basso impiego di fitofarmaci rispettando i disciplinari di Agricoltura Integrata, contenuti nel PSR della Regione Toscana.

La forte passione per il vino, la cura dei dettagli e il mantenimento della conduzione a carattere familiare, consentono di imprimere ai nostri vini una caratterizzazione e personalità uniche.